MYCHOICE Bags | LA MAGIA E L’ARTE DEL SAPER CREARE
18045
single,single-post,postid-18045,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
mychoice

LA MAGIA E L’ARTE DEL SAPER CREARE

INNOVAZIONE E SAVOIR-FAIRE FAMILIARE SONO I CONCETTI ATTORNO A CUI ORBITA MY CHOICE, L’AZIENDA PARTENOPEA CHE VUOLE CONQUISTARE IL PUBBLICO INTERNAZIONALE CON BORSE DALL’ANIMO UPPER CLASS

Essere famiglia significa tante cose; sapersi ascoltare, esaltare la diversità, essere uniti, sapersi aiutare a vicenda.
Tutte qualità che i Di Lillo – Antonio, Francesco, Mariano, Luciano e Vittoria – hanno plasmato anche nella loro attività, My Choice, un’azienda che ruota attorno alle persone e alle idee, proprio con le stesse caratteristiche di una big family. La storia di My Choice inizia negli anni Sessanta in un piccolo laboratorio di borse in pelle. Grazie alla fusione di artigianalità, spirito d’innovazione e imprenditoriale si afferma sul mercato italiano e internazionale. Nel frattempo cambiano le generazioni, le visioni si fanno marketing oriented, si apre un moderno ed efficiente stabilimento a Nola e un lussuoso showroom in Montenapoleone. Crescono altresì le domande dei buyer esteri e i prodotti dedicati a un target d’elite, conquistano gli USA, la Francia, l’Inghilterra e il Giappone. Mariano Di Lillo, cofondatore di My Choice. racconta a Posh la visione di fare impresa tradizionale ma allo stesso tempo innovativa. Come descriverebbe My Choice? Facendo un gioco figurativo, penserei alla bellezza di un puma, all’originalità di un pavone e all’eleganza di un cigno. Qual è il vostro savoir-faire? Saper produrre con qualità è certamente un elemento ma la chiave è “l’ascolto”: delle esigenze, delle tendenze, della nostra stessa azienda. Chiaramente la fase successiva è il saper capire e tradurre nel nostro scenario. La sua è un’azienda a conduzione familiare. Che tipo di rapporto avete? La famiglia è il centro, il cuore pulsante del nostro mondo. Abbiamo creato una struttura organizzativa complessa, dove ognuno ha il proprio ruolo e la propria responsabilità, dalla direzione generale a quella commerciale e stilistica. My Choice è nota per le borse. Dove è concentrata la produzione e come avviene lo sviluppo creativo? Con grande orgoglio posso affermare che il 100% della nostra produzione è campana, dove l’esperienza e la cura del dettaglio sono nel DNA dei nostri artigiani. Lo sviluppo creativo è invece “il mondo”, infatti il nostro team è un melting-pot Ci racconti la filosofia dell’azienda. Quali le aspettative e quali i traguardi raggiunti? Ho scelto di dare il nome My Choice perché rappresenta la “mia scelta” di cambiamento. Mi sono sempre occupato di economia e finanza, prima negli studi accademici e poi come consulente, ma a un certo punto ho capito che la strada era un’altra e così è iniziata la sfida aziendale. Inizialmente l’idea era quella di trasformare il modello artigianale delle competenze della mia famiglia in una struttura più organizzata, capace di affrontare scenari differenti; poi, con il tempo, i traguardi hanno superato le aspettative e gli obiettivi sono in continuo movimento. di professionalità provenienti da ovunque, un gruppo di ricerca capace di cogliere ed interpretare le tendenze provenienti da tutto il Paese. Come funziona il posizionamento? My Choice crea dei prodotti per cui il posizionamento è quasi automatico; sono i nostri clienti diretti o i buyer delle più prestigiose boutique del mondo che scelgono il nostro prodotto. Quali sono i mercati per voi più ricettivi? La distribuzione è omogenea ma alcuni paesi come USA, Francia, Inghilterra e Giappone rispondono meglio alle nostre proposte. Cosa vi ha permesso di evolvervi? Premesso che ritengo che l’evoluzione sia un processo continuo e senza fine, posso dire che sono due gli elementi importanti del nostro ultimo sviluppo: il primo di tipo immateriale, ovvero la scelta di trasformare l’azienda in “marketing oriented” e la seconda riguarda l’apertura del nuovo stabilimento produttivo a Nola e dello showroom in Via Montenapoleone 6 a Milano. Cosa le dà più soddisfazione nel suo lavoro? Le farò una confidenza, che credo però sia tipica di chi produce “bellezza” come noi… Toccare il prodotto che realizziamo, guardarlo in modo maniacale è la più grande soddisfazione che un imprenditore possa avere. Che rapporto avete con la tecnologia? Direi un rapporto “sano”; la tecnologia e l’innovazione sono elementi cardine della nostra attività ma non dobbiamo dimenticare che l’artiginalità ha tempi e ritmi differenti; riuscire a coniugare le due cose è quello che facciamo quotidianamente. Quali sono i progetti che ha in serbo per My Choice? Posso dire che nel futuro ci siamo già dentro. A breve lanceremo un complesso piano di strategia di comunicazione.



Newsletter

Sottoscrivi la nostra newsletter e resta sempre aggiornato.

Iscrivendoti alla newsletter, accetti i termini dell’informativa sulla privacy

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi